tagCloud2
Partly Cloudy

16°C

Pisa

Partly Cloudy

Humidity: 74%

Wind: 11.27 km/h

Cosa vedere

Monumenti, chiese
palazzi, lungarni
ponti e parchi

Lungarni di Pisa

Pisa, così come Firenze, è attraversata dall'Arno. I lungarni pisani, con i meravigliosi palazzi che li decorano e i ponti sopravvissuti ai bombardamenti della seconda guerra mondiale sono i luoghi più suggestivi e famosi di Pisa, nonché fra i più romantici! I Lungarni sono anche la sede di molti hotel e alberghi, per la loro centralità sono il luogo ideale per i turisti che visitano la città. Vi proponiamo un giro per questi splendide vie, dove potrete godere di uno splendido panorama sul fiume e su ciò che lo circonda. A seconda della stagione vi consigliamo di provare una delle fantastiche gelaterie che hanno sede sui Lungarni o un dolce delle famose pasticcerie pisane.

I Lungarni di Pisa

Per conoscere il passato e il presente di Pisa i lungarni sono una visita obbligata. I lungarni sono le vie che corrono accanto al fiume Arno. A Pisa sono famosi per gli splendidi edifici che li accompagnano nella discesa dell'Arno verso la sua foce a Marina di Pisa. Un tempo erano il quadrato che individuava il centro della città, per questo i meravigliosi palazzi, opera delle famiglie benestanti che avevano scelto i Lungarni come residenza. Furono rifondati interamente nel 1871, operazione che cancellò i molteplici scali e gradinate che li caratterizzavano in precedenza. I Lungarni sono anche il posto di ritrovo per la vita notturna. I Lungarni pisani hanno ispirato versi di poeti e scrittori, quali Lord Byron e P.B Shelley.

"Fermo sul ponte marmoreo lancia il tuo sguardo, se non rimarrai accecato, sul suo fondo ardente come il fuoco; poi segui le graziose curve dei palazzi sul Lung'Arno, la cui prospettiva è dominata dalla massiccia torre-prigione (erroneamente chiamata di Ugolino) intravista nella scura prospettiva, e dimmi se qualcos'altro può superare un tramonto a Pisa" Lord Byron, Diario, 1821

L'Arno qui ancora ha tremiti freschi: poi lo occupa un silenzio dei più profondi: nel canale delle colline basse e monotone toccando le piccole città etrusche, uguale ormai sino alle foci, lasciando i bianchi trofei di Pisa, il Duomo prezioso traversato dalla trave colossale che chiude nella sua nudità un così vasto soffio marino. Dino Campana

Mappa dei Lungarni

 

 

Lungarno Pacinotti

Detto anche Lungarno Regio (per la presenza del Palazzo Reale), va dal Ponte di Mezzo al Ponte Solferino.
Oltre alla splendida vista sul quartiere Mezzogiorno, potrete ammirare palazzi storici come:

  • Il Palazzo Lanfreducci, sede del rettorato dell'Università degli studi di Pisa. La stessa Università , che vanta un'origine antica (sec. XII) è situata poco distante dal Lungarno, nell'isolato tra Via Curtatone, Via Montanara e Via della Sapienza.
  • Il Palazzo Agostini (rimasto l'unico a Pisa con la facciata in terracotta)
  • Il Museo Nazionale di Palazzo Reale
  • La Chiesa della Madonna dei Galletti


Lungarno Mediceo

Il Lungarno Mediceo va dal Ponte della Fortezza al Ponte di Mezzo.
È probabilmente il Lungarno più famoso di Pisa, e deve il suo nome alla residenza granducale: il Palazzo dei Medici, che oggi è sede della Prefettura. Fra gli edifici storici che si trovano nel Lungarno Mediceo ricordiamo:

Oggi il Lungarno Mediceo, per via dei molti locali che ospita, è il punto di ritrovo per la “movida pisana”.

 


Lungarno Simonelli

Il Lungarno Simonelli va dal Ponte Solferino al Ponte della Cittadella e deve il suo nome all'Ing. Ranieri Simonelli, che operò la ristrutturazione e l'ampliamento dei Lungarni nell'800.
Fra gli edifici che sorgono nel Lungarno Simonelli ricordiamo:

  • La Chiesa dei Santi Vito e Ranieri (nel luogo in cui morì S. Ranieri, patrono di Pisa)
  • Il Museo dell'Arsenale
  • La Fortezza Vecchia, o Cittadella

Lungarno Galilei

Il Lungarno Galilei è intitolato al grande scienziato pisano Galileo Galilei, che si pensava un tempo fosse nato proprio in questa parte della città.
Va dal Ponte di Mezzo al Ponte della Fortezza, di fronte al Lungarno Mediceo.
Vi si affacciano:

  • Il Palazzo fiumi e Fossi, progetto dell'Ammannati;
  • Il Palazzo Franceschi;
  • Il Palazzo Pretorio, un tempo sede del Potestà ed oggi Biblioteca Comunale;
  • Lo splendido Palazzo Lanfranchi, costruito su antiche case torri;
  • La Chiesa del Santo Sepolcro.

Lungarno Gambacorti

Il Lungarno Gambacorti è intitolato alla famiglia che governò Pisa nel XIV Secolo e che risiedeva proprio in questa parte delle sponde del Fiume Arno, nel Palazzo Gambacorti, oggi sede del Comune di Pisa. Da ammirare sul Lungarno Gambacorti:

 


Lungarno Sidney Sonnino

Il Lungarno Sonnino deve il suo nome a Sidney Sonnino, Ministro degli Esteri durante la Prima Guerra Mondiale, e originario di Pisa. Va dal Ponte Solferino al Ponte della Cittadella, speculare rispetto al Lungarno Pacinotti. Vi si affacciano:

  • La Porta a Mare (così chiamata perché era la via per Livorno);
  • L'ex Convento delle Benedettine;
  • La Chiesa di San Paolo a Ripa d'Arno.

Lungarno Buozzi

Prolungamento del Lungarno Mediceo, fu realizzato nell'800, grazie alla creazione della Piazza Del Rosso e la demolizione di Porta alla Piagge. Ospitava il famoso teatro Politeama, distrutto dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, nell'area dove oggi ha sede il Palazzo dei Congressi dell'Università di Pisa.

Lungarno Fibonacci

Il Lungarno intitolato al grande matematico pisano Leonardo Fibonacci va dal Ponte della Fortezza al Ponte della Vittoria. E' sede della Fortezza San Gallo, costruita durante la dominazione fiorentina nel '400, nel '700 perse la funzione di fortezza e adibita a residenze private, a fine '700 con la proprietà della famiglia Scotto l'interno fu trasformato in uno splendido giardino (appunto Giardino Scotto), che d'estate ospita molti eventi musicali, con artisti italiano ed internazionali.

Luminara di San Ranieri

La sera del 16 giugno, il giorno prima della festa del Patrono di Pisa San Ranieri, i Lungarni si trasformano in uno spettacolo suggestivo: gli splendidi edifici che vi si affacciano vengono illuminati da 70.000 luci e candele, detti “lampanini”.
Vedi Eventi tradizionali a Pisa.